Un santuario in Sudafrica per i baby rinoceronti orfani

Si spera che lì, in una località sconosciuta sperduta della provincia settentrionale del Limpopo, gli animali siano al sicuro dai bracconieri che hanno ucciso le loro madri

rinoceronte

Il trasloco è sempre un po’ una seccatura. Anche per i rinoceronti. Un team di veterinari specializzati ha impiegato sei settimane per trasferire più di 30 giovani rinoceronti orfani in un nuovo santuario. Sperano che lì, in una località sconosciuta sperduta nella lussureggiante vegetazione della provincia settentrionale del Limpopo, in Sudafrica, gli animali siano al sicuro dai bracconieri che hanno ucciso le loro madri. “Non possiamo trasferirli tutti in una volta e dire ‘forza, questa è la vostra casa’. Bisogna essere molto delicati, sono molto sensibili“, spiega Yolande van der Merwe, direttrice dell’Orfanotrofio dei Rinoceronti.

La sua missione con questi bambini dal pelo folto e dalla bocca rettangolare è triplice: “Salvare, riqualificare e liberare“. Alla nascita, questi rinoceronti bianchi pesano circa 40 chili. “Sono molto piccoli, non più alti del mio ginocchio“, dice Yolande. In seguito, mangiano molto e ingrassano più di un chilo al giorno. A un anno di età, questi bellissimi bambini si avvicinano alla mezza tonnellata.

A luglio l’organizzazione si è trasferita in uno spazio più grande che le è stato generosamente donato dopo la scadenza del precedente contratto di locazione. Il piccolo Benji, un rinoceronte di pochi mesi, è stato l’ultimo a muoversi. Orfano da poco, il team temeva che potesse “dare di matto” durante il trasferimento, per il quale è stato anestetizzato e caricato sul retro di un 4×4. “La maggior parte delle volte le loro madri sono state cacciate di frodo“, dice Pierre Bester, un veterinario di 55 anni che lavora con l’orfanotrofio da quando è stato fondato, una decina di anni fa.

Il Sudafrica ospita quasi l’80% dei rinoceronti del mondo. Ma è anche un focolaio di bracconaggio. Negli ultimi dieci anni, migliaia di rinoceronti sono stati uccisi per i loro corni, che sono molto ricercati in Asia, in particolare in Vietnam, per ogni sorta di beneficio non dimostrato. Il corno è composto principalmente da cheratina, come le unghie umane. Il corno di rinoceronte è così ricercato che può essere venduto a più di 90.000 euro al chilo, attraverso le reti mafiose che controllano questo commercio illegale.

Per i primi cinque mesi, i volontari dormono con i piccoli rinoceronti ogni notte, “diventiamo le loro mamme“, spiega Yolande Van Der Merwe. “Si attaccano a noi durante la notte, per avere contatto e calore” in una sorta di stalla aperta. “Se vogliamo mangiare un boccone o andare in bagno, dobbiamo essere sostituiti. Altrimenti il bambino si stressa, urla e piange. Un suono acuto che evoca il delfino“.

(Photo credits: GUILLEM SARTORIO / AFP)

Tags:
,